PARA SWIMMING WORLD SERIES, FANTIN TRASCINA L’ITALIA AL SUCCESSO NEL MEDAGLIERE

CITI World Series Finals Day 1:

L’Italia domina il podio dei 100 stile libero maschili e vola in testa al medagliere dopo la prima serata di finali a Lignano

La prima serata di finali al CITI World Series di Lignano si è conclusa con alcune prestazioni che hanno illuminato la vasca di Bella Italia. I 100 stile libero maschili che hanno inaugurato il programma serale hanno visto il podio tutto italiano con Antonio Fantin, che ha vinto in 1:02.72 (S6 1031 pts), Simone Barlaam 53.96 (S9 1019 pts) e Federico Bicelli, medaglia di bronzo in 1:00.71 (S7 1001 pts). I tre azzurri segnano anche gli unici 3 punteggi della finale della gara regina oltre i mille punti aprendo nel migliore dei modi la tappa di casa. Fantin, dopo aver migliorato il suo record mondiale nelle batterie del mattino, si avvicina ancora al suo limite anche in finale, nuotando a solo 2 centesimi dal fresco primato (1:02.70).

CITI World Series Finals Last Day: FANTIN TRASCINA L’ITALIA AL SUCCESSO NEL MEDAGLIERE

Un inizio da record e un finale quasi altrettanto. Il padrone di casa Antonio Fantin ha rubato la scena a tutti anche nella giornata conclusiva delle Citi Para Swimming World Series di Lignano Sabbiadoro, arrivando vicinissimo al primato mondiale dei 400 stile libero S6: 4’48”03 il tempo del ventiduenne italiano contro il 4’47”75 dello svedese Anders Olsson, nuotato a Reykjavik nel 2018. Grazie a questo risultato però, il veneto delle Fiamme Oro ha vinto la finale open con 1046 punti, davanti al connazionale Federico Bicelli (S7, 981) e al finlandese Nader Khalili (S14, 959). 

Per Fantin si tratta anche della miglior prestazione assoluta dell’intera tappa di World Series, con una performance addirittura superiore a quella fatta registrare con il WR dei 100 stile libero durante la prima sessione di gare. Questo il suo commento: “Mi aspettavo di fare un paio di secondi in più, magari 4’50” o 4’51”, invece sto migliorando molto nei 400. Questa è una gara che abbiamo preparato molto col mio allenatore Matteo Poli e uno dei miei sogni è proprio battere questo record: peccato perché ci ero davvero vicino, ma vorrà dire che sarà per la prossima volta. Il bilancio di queste World Series è super positivo. Il tifo di casa si è fatto sentire, così come la piscina di casa ed è una bella soddisfazione, dopo che l’anno scorso ero stato spettatore forzato. Stiamo lavorando bene e la stagione è appena iniziata, l’obiettivo vero è tra sei mesi a Parigi”.

Nella giornata conclusiva sono stati registrati tre record asiatici, tutti targati Kazakistan: Dias Kenzhebek nei 50 dorso S10 (31”19), Sergey Kinakh nei 200 rana SB9 (2’57”64) e Roman Potapov nei 200 rana SB12 (2’54”19). “Siamo molto contenti di aver potuto partecipare a questa rassegna e di aver ottenuto risultati eccellenti. Abbiamo realizzato cinque record qui, di cui tre oggi e siamo davvero soddisfatti ”, hanno commentato in coro. 

A questi si è aggiunto il quinto record africano della rassegna, firmato dalla scatenata ugandese Husnah Kukundakwe nei 100 farfalla S8 (1’29”75).

L’Italia ha mantenuto la testa del medagliere per tutta la durata della competizione e ha vinto con un totale di 17 medaglie (6 ori, 7 argenti e 4 bronzi). Al secondo posto la Gran Bretagna si è dimostrata un team consistente pareggiando gli ori Azzurri con un bottino totale di 9 medaglie (6 ori, 1 argento, 2 bronzi), chiude il podio la squadra degli Stati Uniti d’America con 3 ori, 2 argenti e 3 bronzi.  Sul sito ufficiale trovate, invece, tutte le info della manifestazione: https://www.worldseriesitalia.com/competizione/

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *